Faces of War

Dark Light
Faces of War

Review Score:

Eccoci davanti ad un nuovo videogioco ispirato alle vicende della seconda guerra mondiale, se ancora non vi siete stancati di prendere a calci nel sedere i nazisti di turno, allora continuate pure a leggere. I predecessori illustri sono innumerevoli, doveroso citare lo sparatutto in prima persona Return to Castle Wolfenstein, Company of Heroes e l’ottima serie Commandos.  Un elemento piuttosto originale di questo titolo sta nella scelta degli avvenimenti che si è chiamati a ripercorrere, infatti una missione ispirata al d-day c’è solo come livello bonus, è totalmente assente Stalingrado, mentre per le missioni vere  e proprie, vengono scelti episodi meno conosciuti della parte finale della seconda guerra mondiale.

  Il gioco  del team Best Way presenta un gameplay lievemente diverso rispetto ai soliti strategici. Gli schieramenti in campo sono tre: Russi, Alleati e Tedeschi, ognuno di questi sarà chiamato ad affrontare diverse missioni.   Gli obiettivi sono i più disparati, si va dal far saltare in aria le stazioni radio, a salvare generali prigionieri, minare ponti e rubare informazioni top-secret. Le missioni sono organizzate per obiettivi, ognuno dei quali sblocca diverse situazioni e permette il raggiungimento dei nuovi obiettivi, purtroppo però le indicazioni frammentarie fanno si che si stia spesso per ore a massacrare nemici in attesa che il livello si decida a terminare. Disseminati nelle mappe coi sono un sacco di tipi diversi di mezzi da guerra, compresi mezzi corazzati in cui potrete allegramente saltar dentro e seminare morte e distruzione.  Durante il gioco non ci troveremo mai a controllare interi squadroni di soldati, ma si tratterà sempre di squadre di meno di dieci elementi scelti, ognuno con le sue peculiarità. Questo garantisce una grande varietà nella risoluzione delle missioni, che potremo affidare al classico cecchino, o al mitragliere o al meccanico, ma ancora meglio, si possono combinare le diverse abilità per creare delle strategie più complesse, purtroppo però le missioni hanno un unica via d’uscita che obbliga ad un percorso predeterminato, spesso l’unico modo per completare un livello sta nel seguire alla lettera le istruzioni fornite dal gioco oppure di affrontare forze enormemente superiori, spesso ingestibili.

 La modalità multiplayer consente la partecipazione fino a sedici giocatori e si divide in diverse modalità come la conquista della collina, il deathmatch e la modalità cooperativa. Da segnalare la spassosissima modalità dove si è chiamati a far fuori il più alto numero di contadini in modo da poter rubare i loro migliori polli. La velocità del gioco regge bene il multiplaying senza che si riscontrino lag di sorta né disconnessioni dai server. Il net-code è stato curato scrupolosamente, cosa importantissima in uno strategico in tempo reale dove ogni secondo può fare la differenza tra la buona riuscita di una tattica e il totale fallimento.

 Il menu, molto semplice è chiaro, consente una perfetta padronanza del campo di battaglia tramite il mouse e pochi pulsanti sulla tastiera. Ad aumentare il realismo del gioco e a conferirgli un tocco di gioco di ruolo, c’è la possibilità di depredare i nemici uccisi e un inventario distinto per ogni componente del team, limitato ad un certo peso.  Sulla parte bassa della schermata di gioco c’è la barra dei comandi, da qui si possono impartire tutti gli ordini d’attacco a scelta tra combattimento a mani nude, o attacchi dalla distanza ma anche il lancio di granate e il fuoco di copertura. Sempre qui ci sono anche i pulsanti per chiamare i medici a curare i feriti o per occupare le postazioni difensive. Se invece volete compiere una spettacolare azione  in solitario, non avete che da prendere il controllo del vostro uomo migliore e condurlo voi stessi in battaglia con il mouse e i pulsanti direzionali, la velocità dell’azione però spesso rende impraticabile quest’opzione.

 Sia l’intelligenza artificiale dei vostri che quella dei nemici sono di ottimo livello, i personaggi scelgono sempre i ripari migliori e variano strategia in funzione di quella avversaria. L’azione è sempre frenetica, poco improntata sulle missioni di tipo stealth ma più sullo sfruttamento delle postazioni strategiche per colpire duro le linee nemiche. Le difese passive sono però un’arma a doppio taglio, i nemici infatti sono in grado di sfruttarle prontamente e tenere in scacco i vostri uomini fino all’arrivo di rinforzi e dei mezzi corazzati. Spesso l’IA funziona anche troppo bene, e ai nostri uomini capita di bloccarsi a metà di un ordine per ripararsi o al contrario si fermano a sparare mentre noi cerchiamo disperatamente di portarlo in salvo.

 Per quanto riguarda l’aspetto, il motore grafico si comporta molto bene anche se pecca un po’ nella realizzazione di alcuni dettagli dei soldati, ma in compenso la visuale  rende questi difetti meno visibili e le animazioni sono davvero belle. Alto grado di distruttibilità degli ambienti circostanti, veramente ben fatti, le città sembrano veramente essere ancora abitate, ancora più esaltanti gli ottimi effetti grafici di esplosioni e fumo, stesso discorso vale anche per le ottime musiche e gli effetti sonori, tra cui urla di dolore piuttosto realistiche.

 Il risultato finale è un buon prodotto, adatto sicuramente agli amanti degli strategici ma che offrirà il massimo del divertimento nelle partite online, risente di un’ambientazione troppo sfruttata nel mondo dei videogiochi e della troppa rigidità nell’azione di gioco, con un po’ di impegno più sarebbe potuto essere un ottimo titolo, ma così com’è non regge il passo con l’ottimo Company of Heroes.           

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
No comments currently exist for this post.
Leave a Reply:



Comment Spam Protection by WP-SpamFree


Latest News Latest Previews Similar Posts Latest Reviews Related Posts